Questo sito utilizza cookies tecnici (Google Analytics) per l'analisi del traffico; proseguendo la navigazione ci si dichiara implicitamente d'accordo all'uso dei medesimi Ok, accetto

Un frammento di RNA facilita
l’avvio del diabete di tipo 1?

Il diabete di tipo 1, autoimmune, ha forse qualche segreto di meno: un tassello che potrebbe portare a nuove cure. Così, almeno, sperano i ricercatori dell’Helmholtz Zentrum di Monaco di Baviera (Germania), che hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista scientifica Nature Medicine. Gli studiosi hanno descritto, per la prima volta, la delicata funzione di un piccolo frammento di materiale genetico chiamato miRNA142-3p, che - hanno scoperto - regola indirettamente una famiglia di protagonisti degli equilibri immunitari: i linfociti definiti "regolatori T reg", coinvolti nelle risposte autoimmunitarie. Come funziona questo complesso meccanismo? In estrema sintesi possiamo dire che quando miRNA142-3p è presente in eccesso, la sua azione inibisce fortemente altre cellule del sistema immunitario, che a loro volta modulano i T Reg. Alla fine, questi meccanismi si traducono in un’instabilità che ha come esito la formazione di autoanticorpi contro le cellule beta pancreatiche (all’origine del diabete di tipo 1).

A questo punto, trovare il modo per regolare miRNA142-3p e renderlo  presente in quantità normali, facendolo funzionare a dovere (non troppo, e neppure troppo poco), potrebbe aiutare a combattere il diabete di tipo 1, o a rallentarne l’evoluzione. Negli animali da laboratorio questo approccio ha portato a primi, incoraggianti riscontri positivi. Gli studi - annunciano i ricercatori - proseguiranno a tutto campo, anche sui tratti del DNA (cioè sui geni) che "governano" questi intricati processi immunitari e regolatori.

 

A.C.
Data ultimo aggiornamento 9 jan 2020
© Riproduzione riservata | Assedio Bianco


Vedi anche: • Uno squilibrio della microflora intestinale favorisce il diabete 1


Tags: diabete di tipo 1, miRNA142-3p