Un vaccino contro le malattie da prioni

In uno studio pubblicato sulla rivista Vaccine un gruppo di ricercatori coordinato da Thomas Wisniewski, esperto della Scuola di Medicina della New York University, ha dimostrato per la prima volta l’efficacia di un vaccino contro le malattie da prioni, gruppo di patologie che include il cosiddetto morbo della mucca pazza

Primo nel suo genere, lo studio è stato effettuato sui cervi americani, specie che può essere colpita dal cosiddetto Chronic Wasting Disease (CWD). Come nelle altre malattie da prioni, anche nel CWD una proteina innocua (PrPC ) può trasformarsi in una forma patologica (PrPSc ), responsabile della malattia. Quando questa patologia colpisce un allevamento è quasi sicuro che tutti i capi saranno infettati, ma le autorità sanitarie temono anche un altro scenario: quello che prima o poi la malattia si trasmetta anche a mandrie di bovini e che da questi possa passare all’uomo, com’è successo nel caso del più noto morbo della mucca pazza.

Wisniewski e colleghi hanno testato sui cervi un vaccino ottenuto inserendo nel batterio Salmonella il gene per la proteina PrP, in modo che potesse stimolare la produzione di anticorpi contro quest’ultima. Il vaccino è stato utilizzato per vaccinare 5 animali, ai quali sono stati somministrati 8 richiami in 11 mesi. Ad altri 6 cervi è stato invece somministrato un placebo. Dopo aver verificato che gli animali vaccinati producessero una concentrazione sufficiente di anticorpi contro PrP, alla mandria è stato dato da mangiare del cibo infettato dal prione. A due anni di distanza solo uno dei cervi vaccinati non si era ammalato. Gli altri 4, pur essendosi ammalati, avevano contratto il CWD molto tempo dopo i 6 cervi che non erano stati vaccinati.

Questi risultati portano con loro la speranza che in futuro possa essere messo a punto un vaccino efficace anche contro questo tipo di malattie.

A.B.
Data ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015