Il freno dell’epatite

La somministrazione di anticorpi anti PD-1 potrebbe essere la chiave per combattere l’infezione. Lo sostiene una ricerca americana del Nationwide Children Hospital e della Emory University che prende spunto dalle tecniche dell’immunoterapia dei tumori.

Un approccio mutuato dall’immunoterapia dei tumori potrebbe aprire nuove prospettive per i malati di epatite virale C, B e forse di altre infezioni. I ricercatori del Research Institute del Nationwide Children Hospital e della Emory University hanno infatti dimostrato, su animali, che la somministrazione di anticorpi anti PD-1 restituisce al sistema immunitario degli animali infettati con il virus dell’epatite C la capacità di reagire adeguatamente.

La proteina PD-1 (da Programmed cell Death 1) agisce da blocco del sistema immunitario una volta che la reazione contro il nemico è terminata. Nei tumori però, come nelle infezioni croniche, la sua attività viene alterata e il sistema immunitario continua a comportarsi come dopo un’offesa acuta, cioè continua a produrre linfociti T specifici fino a esaurire la propria capacità di nuova sintesi, in un fenomeno chiamato "T-cell exhaustion".Per questo si pensa che bloccare la PD-1 possa ristabilire un equilibrio utile ad avere la giusta reattività.

Nei tumori l’ipotesi è fondata e ha già portato all’approvazione di un anticorpo contro il melanoma. Ora l’idea viene verificata nelle infezioni virali, e sembra funzionare. Dai dati sperimentali emerge infatti che gli animali trattati con anticorpi anti PD-1 tornano ad avere un numero di linfociti T normale, e che la funzionalità di questi elementi fondamentali per la giusta reazione è ottimale; in questo modo, gli animali infettati recuperano - almeno teoricamente - la capacità di difendersi dall’infezione.

Come sottolineato dagli autori su PNAS, se i risultati saranno confermati, lo stesso approccio potrebbe rivelarsi utile anche contro il virus dell’epatite B e contro altre infezioni che tendono a cronicizzare.

Agnese Codignola
Data ultimo aggiornamento: 15 novembre 2014

Fonte: 2013, DOI: 10.1073/pnas.1312772110

Fonte: A. Grakoui

Fonte: A. H. Sharpe

Fonte: B. Callendret

Fonte: B. Zhu

Fonte: C. M. Rice

Fonte: C. M. Walker. Immunotherapy of chronic hepatitis C virus infection with antibodies against programmed cell death-1 (PD-1). Proceedings of the National Academy of Sciences

Fonte: D. L. Hasselschwert

Fonte: G. J. Freeman

Fonte: L. B. Dustin

Fonte: M. J. Fuller

Fonte: R. Ahmed

Fonte: W. Satterfield